Corriere della Sera

Corriere della Sera

La luce si evolve e diventa monumentale

Al Salone le novità tecnologiche nel campo della illuminazione permettono soluzioni scenografiche esaltando le forme tradizionali e scultoree. Torna così (con un po’ di ironia) l’era del decorativismo

La luce si evolve e diventa monumentale

La modernità non cozza necessariamente con la tradizione, come dimostra Wave Murano Glass, che unisce l’antica arte della lavorazione del vetro con la moderna arte dello stampaggio in 3D. Ma soprattutto, la regolazione personalizzata tramite app, lo scambio di informazioni con l’utente, la possibilità di ricombinare l’oggetto in diverse situazioni sono tutte armi in più che le lampade del nostro secolo hanno fatto proprie, permettendosi lo sfizio di diventare versioni ipermoderne delle loro antenate. Succede con Spy di Quasar, impatto da grande candeliere antico in una configurazione modernissima, ma anche con i modelli ricaricabili che si possono spostare in parti diverse della casa come lanterne eleganti (Come Together di Artemide), vezzose (Big Battery di Kartell), ironicamente anni 60 (Pillola di Firmamento Milano) o versatili, come Flai di Diomede, la cui luce si aggancia a otto tipi di supporto diversi, venduti separatamente, a seconda del desiderio del cliente. Molti designer sono accomunati dalla voglia di una nuova era spaziale: i corpi celesti appaiono spesso, dalla composizione Constellation e dalla linea Earth di CVL, alla lampada Moon Eye di Visionnaire, con diffusore in onice e telaio portante in noce canaletto, molto zen.

Read the article on corriere.it

Download the article ll Corriere della Sera

No Comments

Post A Comment